Consigli

Come prendere le misure del WC per acquistare il copriwater giusto

Guida alla misurazione del WC per acquistare un nuovo copriwater senza commettere errori. Scopri tutti i nostri consigli!

Indice
  1. Come si prendono le misure del water?
  2. Tipi di cerniere del water
  3. Tipologie di paracolpi per copriwater
  4. Quante forme ci sono per il copriwater?
  5. Di quali materiali può essere fatto un copriwater?

Il tuo copriwater dà segni di cedimento? È rovinato in più punti ed è il momento di cambiarlo? Prima di procedere all’acquisto, è importante che tu sappia quali sono le dimensioni esatte del sanitario per evitare di commettere errori e di prenderne uno che poi non risulterebbe idoneo.

Se non sai come ricavarle perché non te ne sei mai occupato, non andare nel panico. Ti stiamo infatti per spiegare qual è la procedura da seguire. 

Come si prendono le misure del water?

La spiegazione di come si prendono le misure del water

Per misurare il water innanzitutto devi togliere il copriwater e dotarti di un metro. Ora, puoi ricavare i dati seguenti usando la metodologia che ti indichiamo: 

  • larghezza del water (X): la larghezza massima del sanitario devi calcolarla ponendo il metro nella parte più larga del vaso (dall’estremità sinistra, all’estremità destra); 
  • interasse dei fori (Z): essa è la distanza tra i due fori del vaso, per cui ti basterà porre il metro al centro dei due buchi, in orizzontale, misurando la lunghezza da un punto all’altro;
  • distanza tra i fori e la parte inferiore del vaso (Y): per ottenere quest’ultimo dato dovrai porre il metro al centro dei due fori, in verticale, e portarlo fino al bordo anteriore del sanitario.

Tipi di cerniere del water

Un altro elemento fondamentale di cui devi tenere conto per l’acquisto del copriwater giusto, è il tipo di cerniere che il vaso supporta. Esse possono essere:

  • Cerniere passanti, avvitabili dal basso;
  • Cerniere passanti oblique, avvitabili dal basso;
  • Cerniere a espansione, avvitabili dall’alto;
  • Cerniere oblique, avvitabili dall’alto.

Inoltre ricordati che le cerniere possono essere standard e, in tal caso, il sedile si chiuderà normalmente, oppure a chiusura rallentata. Queste ultime, impediscono che il coperchio sfugga di mano serrandosi bruscamente sulla tavoletta. 

Tipologie di paracolpi per copriwater

Anche i paracolpi hanno la loro importanza, in quanto se ben posizionati manterranno in asse il copriwater che non rischierà di rimanere instabile, rompendosi dopo poco tempo. Essi possono essere:

  • sagomati: vanno bene per i sanitari di vecchia fattura, anni ’80-’90, dai lati dritti e paralleli;
  • inclinati: questa tipologia è adatta per i sanitari che presentano una leggera inclinazione.

Quante forme ci sono per il copriwater?

Forme asse e copriwater

I sanitari possono essere di tante forme diverse, ad oggi abbiamo quelli dalle linee ovali o più squadrate, dall’aspetto moderno e futuristico. Quest’aspetto lo devi prendere in considerazione quando acquisti un nuovo copriwater, soprattutto se ti interfacci con l’assistenza clienti per avere indicazioni su quale prendere.

Le forme disponibili dei sanitari dunque sono:

  • ovali
  • squadrate
  • tondeggianti

Di quali materiali può essere fatto un copriwater?

Ora che sai come ricavare le dimensioni esatte del tuo WC per comprare il nuovo copriwater, dovrai tenere in considerazione anche i materiali con cui viene realizzato.

Scendendo nel dettaglio, il sedile del vaso può essere di:

  • plastica: è il materiale più economico e dal costo più basso. Tende però a usararsi più facilmente e a ingiallire;
  • MDF: la sigla sta per Medium Density Fiberboard e si riferisce a copriwater costruiti con fibre di legno agglomerate, resistenti e di buona fattura. A differenza della plastica, mantiene inalterata la sua tinta nel tempo;
  • legno: materiale di pregio, viene trattato contro l’umidità e verniciato e anche in questo caso il colore non si rovina con il passare del tempo;
Copriwater finitura noce

Flaminia EFI coprivaso con sgancio rapido e discesa rallentata, finitura noce

  • poliestere: questo copriwater ha l’interno in legno e l’esterno in poliestere, un materiale che gli dona una finitura lucida. È molto facile da pulire ed è anche antibatterico, per cui l’igiene viene mantenuta al massimo;
  • termoindurente: è un materiale resistente, dalla lunga vita. È antibatterico e ha la finitura lucida.
Copriwater termoindurente

Flaminia SPIN coprivaso avvolgente in termoindurente, colore bianco finitura lucid0

Coprivaso bianco con finitura lucida

Flaminia EFI coprivaso con sgancio rapido, colore bianco finitura lucido

Come avrai potuto capire da quanto ti abbiamo spiegato nell’articolo, in un bagno ogni scelta deve essere fatta con attenzione e accuratezza, in quanto un errore può rovinare lo stile dell’ambiente e compromettere la tua comodità, il benessere che devi ricevere quando trascorri del tempo in questa stanza. Per assicurarti di fare la scelta giusta ti consigliamo comunque di rivolgerti all’assistenza clienti che saprà indicarti la tipologia di copriwater perfetta per il tuo WC! 

Ti potrebbe interessare anche: