Il bonus condizionatori 2021 è rivolto ai contribuenti che abbiano acquistato un climatizzatore che sia in pompa di calore, sia per il riscaldamento, in sostituzione o in integrazione del proprio impianto, che per il raffrescamento.

Per ottenere la detrazione non è necessario che l’acquisto del condizionatore sia concomitante a un intervento di ristrutturazione.

Migliori Climatizzatori low cost   vedi tutti

La detrazione per il condizionatore varia in base all’ambito dell’acquisto:

NUOVA INSTALLAZIONE CLIMATIZZATORI

  • Bonus condizionatori senza ristrutturazione: la detrazione è al 50% in caso di nuova installazione di condizionatori in pompa di calore si può beneficiare delle detrazioni IRPEF riservate alle opere di ristrutturazioni edilizie anche se non vi sia in corso una ristrutturazione, in quanto il prodotto stesso è considerato intervento di ristrutturazione.

  • Bonus condizionatori con bonus mobili in caso di ristrutturazione: la detrazione è al 50% durante una ristrutturazione o manutenzione straordinaria (su singole abitazioni o condomini) si può usufruire dell'agevolazione IRPEF se si acquistano mobili e grandi elettrodomestici in classe A+ (A per i forni), climatizzatori compresi.

 

Climatizzatori TOP di gamma   vedi tutti

SOSTITUZIONE CLIMATIZZATORI

  • Bonus climatizzatori risparmio energetico: la detrazione è al 65% per i condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza, che vanno a sostituire il precedente impianto e vale per abitazioni private, uffici o negozi.

  • Bonus condizionatori con ristrutturazione edilizia: la detrazione è al 50% per i condizionatori a pompa di calore, anche non ad alta efficienza, ma che mirano al risparmio energetico, ed è valida solo per le unità immobiliari residenziali. Inoltre è possibile richiedere l’Iva agevolata al 10%.

 

Migliori Climatizzatori per rapporto prezzo/qualità con WiFi  vedi tutti

 

Scopri i condizionatori climatizzatori MONO SPLIT  -  MULTI SPLIT  -  UNICO senza unità esterna

Per gli interventi di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica, obbligo di trasmissione dati all’Enea

Una delle novità sulla detrazione è l’avvio dell’obbligo di comunicazione all’ENEA dei lavori effettuati, così come previsto già per l’Ecobonus.

È stato pubblicato il 21 novembre 2018 il sito per trasmettere i dati dei lavori effettuati con le relative istruzioni. Il termine per l’invio è fissato a 90 giorni dal termine degli interventi o del collaudo. Il portale online per l’invio dei documenti necessari per beneficiare della detrazione del 50% sulle spese sostenute dovrà essere aggiornato al 2020, lasciando tuttavia intatto l’elenco dei lavori per i quali vige l’obbligo di comunicazione ENEA.

 Pagamento mediante bonifico bancario parlante

Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario da cui risultino:

    • la causale del versamento
    • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
    • il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico (TAVOLLA Srl - p.IVA 03709140135)

 

Le informazioni riportate in questa pagina sono indicative; Tavolla.com declina ogni responsabilità in merito alle interpretazioni delle normative in corso di validità sulle Agevolazioni Fiscali e consiglia ai propri clienti di affidarsi, per la corretta gestione della richiesta di agevolazione, al proprio commercialista o al responsabile dei lavori in caso di ristrutturazione edilizia o riqualificazione energetica.

Maggiori istruzioni per richiedere il bonus climatizzatori 2020 sono fornite sul sito dell’agenzia delle entrate e su guida fisco.

Scaricate la guida BONUS MOBILI 2020 fornita dall'Agenzia delle Entrate

 


 

Le migliori offerte di Tavolla

I prodotti più venduti

Ultimi prodotti che hai visitato e suggerimenti in primo piano